Un'arte scacchistica del 1500/1600 poco conosciuta:
gli ingegnosi e sorprendenti problemi di sottilità


    La soluzione, in notazione algebrica, del primo partito di sottilità di Giovan Domenico d'Arminio scacchista napoletano.


1. Cc5-d7+ Rf8-e8 (forzata)
2. Tf1-e1+ Dg8-e6 (forzata)
3. Cd7-b8+ (scacco di scoperta) Re8-f8 (forzata)
4. f5xe6 h7xg6
5. Rg5xg6 Rf8-g8
6. h6-h7+ Rg8-f8
7. Ac6-b7 Rf8-e8
8. Db1-b4 Aa5xb4 (presa forzata)
9. a3xb4 Re8-f8
(Qui il Bianco giocherà le mosse di assestamento dei propri pezzi mentre il Re Nero dovrà oscillare, forzatamente, tra le case e8-f8).
10. Te1-g1 Rf8-e8
11. Rg6-f5 Re8-f8
12. Rf5-e5 Rf8-e8
13. Cb8-c6 Re8-f8
14. Af6-e7+ Rf8-e8
15. Ae7-c5 b6xc5 (presa forzata)
16. b4xc5 Re8-f8
17. b5-b6 Rf8-e8
18. Cc6-d4 Re8-d8
(Adesso il Re Nero ha a disposizione tre case: d8-e8-f8)
19. Cd4-f5 Rd8-e8
20. Cd5-f4 Re8-d8
21. Cf4-g6 Rd8-e8
(Adesso il Re Nero ha a disposizione due case: d8-e8)
22. Cf5-g7+ Re8-d8
23. e6-e7+ Rd8-d7
24. c5-c6 matto.




La dichiarazione è rispettata: il Bianco ha dato scacco in e7 (con il pedone proveniente da f5) e, subito dopo, il matto con il pedone c6 (che proveniva da a3).
Sorprendete e affascinante. Convenite?
Lasciamo all'attento lettore le mosse alternative citate dal Salvio (Vedi l'avvertenza nel file di Lettura.

Carmelo Coco. San Gregorio (CT) - 02/01/2005