3 CONGRESSO DELLA SEZIONE ITALIANA DEL
CHESS COLLECTORS INTERNATIONAL

di Rodolfo Pozzi e Massimiliano De Angelis


   Il 27 e 28 settembre 2003 si svolto a Santa Margherita Ligure, presso l'Hotel Metropole, il 3 Congresso nazionale dei collezionisti di scacchi, organizzato dalla Sezione Italiana del Chess Collectors International (organo della FIDE).
   Dopo i congressi italiani di Roma 2001 e di Abano Terme-Marostica 2002, che hanno fatto seguito a quello internazionale di Firenze 2000, la Sezione italiana del CCI si prodigata per diffondere la conoscenza di questa materia ancora poco analizzata che, attraverso la raccolta, studia i pezzi di scacchi, i libri antichi, le stampe, i francobolli, le cartoline e tutto ci che attinente al nostro impareggiabile gioco. Questo convegno stato il primo che ha avuto luogo dopo la creazione di una struttura ufficiale, denominata "CCI Italia", in seno appunto alla organizzazione internazionale.
   Tra gli scopi della sezione: facilitare momenti d'incontro tra i soci e creare nuovi adepti nel mondo degli scacchisti e anche dei non giocatori.
   La partecipazione, fra italiani e stranieri, stata pi numerosa rispetto ai due precedenti congressi. Ai membri del Comitato della Sezione Italiana, Massimiliano De Angelis, Gianfelice Ferlito, Alessandro Sanvito, Rodolfo Pozzi, Massimo Morganti, Milly Pozzi e Augusto di Bono, si sono aggiunti i soci Gregorio Granata con la moglie Maria ed Andrea Flamini, oltre a Manuela Di Bono e Anna Ferlito; ospiti Patrizio De Gregoris ed il maestro Lucani. Si sono aggiunti dall'Inghilterra i coniugi Gareth e Vel Williams, membri del Consiglio internazionale, Victor e Marianne Keats, e gli antiquari londinesi Garrick Coleman, accompagnato dal figlio, e Michael Wiggins; dalla Francia Jean-Claude e Monique Cholet; dagli Stati Uniti Floyd e Bernice Sarisohn, titolari del Long Island chess museum, Ken e Kathy Vaglio, Douglas e Risa Polumbaum; dalla Russia, Nikolai Timochtchouk. Gradita inoltre la visita di Adolivio Capece e Giordano Zucchi, impegnati in quei giorni nel Festival Scacchistico Internazionale di Genova.
   Il congresso si articolato in quattro fasi: le relazioni in italiano e in inglese, la mostra-mercato, il meeting italiano e le gite culturali.
   La mattina del sabato il Presidente del Comitato Direttivo italiano, Massimiliano De Angelis, ha dato il benvenuto ai partecipanti e ha illustrato gli scopi e i programmi della neonata sezione italiana. Alessandro Sanvito ha voluto ricordare i tre soci recentemente scomparsi: l'americano David Hafler, uno degli ideatori e fondatori del CCI, lo storico inglese Ken Whyld e il nostro amatissimo Alvise Zichichi. Rodolfo Pozzi ha presentato le mostre di Binche (Belgio)" Scacchi mongoli in prima mondiale" e di Aquisgrana (Germania) "Antichi pezzi asiatici", mentre Floyd Sarisohn ha illustrato "Il Meeting Americano di Montreal 2003". Kathy Vaglio ha parlato del maestro vetraio Gianni Toso, veneziano trapiantato in Pennsylvania e creatore di artistici scacchi in cristallo. Infine lo storico Alessandro Sanvito ha intrattenuto i presenti sulle "Figure di scacchi in antichi testi scacchistici". Queste ultime tre relazioni sono state riassunte in italiano e/o in inglese da Gianfelice Ferlito.
   Il pomeriggio stato dedicato alla mostra-mercato aperta al pubblico, di giochi, libri e materiale inerente agli scacchi.
   Nell'incontro fra i soci italiani sono stati messi a fuoco aspetti ancora da perfezionare nella organizzazione e valutati programmi e idee per il futuro.
   La domenica stata dedicata alle gite culturali. I congressisti, e soprattutto gli ospiti stranieri, hanno potuto apprezzare le meraviglie di questa parte di Liguria: la splendida Portofino e le Abbazie della Cervara e di San Fruttuoso. Il luned infine, alcuni hanno avuto la fortuna di godere in una giornata estiva, dei paesaggi di Portovenere e Riomaggiore.
   L'arrivederci per il Congresso Internazionale di Madrid in giugno 2004. Per quello nazionale, sempre nello stesso anno, sono state avanzate interessanti proposte circa la data ed il luogo.