Cinema du jeu des échecs:
una rivista scacchistica francese poco conosciuta



















    Nel Maggio del 1922 venne stampata in Francia una nuova rivista scacchistica di piccolo formato 10,5X14 cm. dal titolo Cinema du Jeu des échecs. La rivista, mensile, era diretta da Alphonse Goetz (A. Geoffroy-Dausay) campione di Francia nel 1890, 1892 e 1914 noto per le interessanti lezioni teoriche Cours d'échecs pubblicate nel 1921. Celebri i suoi paragoni della teoria scacchistica con la guerra di trincea: La guerra di trincea mi permette un paragone facile da apprendere: Contro la prima trincea del Nero (pe6 - pd5), il Bianco costruisce una trincea, (pd4, pe5) che forma un saliente che l'avversario cercherà di oltrepassare sulla sua destra (pc5), e sulla sua sinistra (pf6), anche a costo di sacrifici. Questo saliente impedisce, difatti, lo sviluppo della linea di battaglia del Nero.
    Il numero 2 della rivista presenta una partita del torneo internazionale di Nuremberg (luglio 1896) tra Janowski e Schallopp. La partita è raccontata con diagrammi (mossa per mossa) e note come fosse una pellicola cinematografica (da qui, crediamo, derivi l'idea del titolo della rivista). I diagrammi e il racconto della partita corrispondono, infatti, ai fotogrammi di una pellicola così come si vede al cinema. I diagrammi, presentati ad ogni mossa del Bianco e del Nero, permettono di leggere la partita direttamente dal libretto senza ricostruirla sulla scacchiera.
     La partita è corredata dalle varianti e da una nota sui due giocatori. Alcune pagine sono dedicate ai problemi.
    Una pagina è dedicata alla attualità come la simultanea su 40 scacchiere tenuta con imperturbabile calma dal campione del mondo Capablanca al Journal Excelsior il 15 Maggio 1922 alle 8,30 di sera nel Salone delle feste (+38 - 1 = 1; sconfitta con Pape e patta con Khan). Alla riunione parteciparono molte personalità parigine.




Carmelo Coco. San Gregorio (CT) - 12/07/2006  Copyright