CONGRESSO

CHESS COLLECTORS INTERNATIONAL – ITALIA

COMO, 8-11 ottobre 2015











Inedite testimonianze sugli scacchi ‘Italia’
di Roberto Cassano



















10/10/2015 - Sala Convegni - Albergo “LE DUE CORTI”
Piazza Vittoria 12 Como


   Ad ottanta anni esatti dalla loro nascita e dalle polemiche che ne seguirono vengono presentate alcune inedite testimonianze sugli scacchi ‘Italia’, pezzi ideati negli anni trenta del secolo scorso durante l'autarchia italiana1, dei quali si era perso quasi anche il ricordo.

   Per quanto riguarda questo set da gioco è stato scritto davvero poco ma era tutto quello che c’era da dire mentre oggi, finalmente, si andrà oltre L’Italia Scacchistica del 1935 che fino ad oggi è stato il testo base sull'argomento. Questo perché siamo venuti a conoscenza, non senza fatica ma anche con il solito pizzico di fortuna, della presenza in Italia di alcuni set di scacchi completi in legno e di alcune significative fotografie che riproducono questi rari pezzi.

   Pur in presenza di novità, se si vuole farle conoscere, non si può che iniziare dal pregevole e completo articolo del 2006 di Rodolfo Pozzi2 nel quale sono correttamente citati i tre principali documenti allora conosciuti che anche qui elenchiamo brevemente.

   L’articolo di presentazione3 a firma del fiorentino Guido Angelo Salvetti, l’autore del disegno dei pezzi di scacchi (Fig. 1) denominati "Italia"; pezzi che avrebbero dovuto essere costruiti con legno italiano, di fabbricazione semplice, non costosi e, soprattutto, differenti sia da quelli francesi (Régence) che da quelli inglesi (Staunton) per i quali scrisse che “non sono davvero senza difetti” evidenziando tra l’altro che i Régence sono quanto meno alti allampanati ed instabili e gli Staunton ben fatti ma distanti dalle nostre tradizioni in particolare l'Alfiere per via della sua mitria vescovile mentre dei nuovi pezzi scrisse che “abbiamo ridato all'Alfiere il coronamento dell'elmo a becco di pàssero, ripudiando senz'altro la mitria del bishop ed il cappuccio a sonagli del fou”.


Fig. 1 - Il disegno di Salvetti per gli scacchi “Italia” (da “L'Italia Scacchistica”
3/1935 p. 50).


   La lettera nella quale, già il mese successivo, i pezzi furono criticati, con garbo, dall’avv. anglo-milanese Enrico Saint-John Mildmay4 che, pur riconoscendo esteticamente validi i modelli di Re, Regina, Torre e pedone, non accettava l'effigie del Cavallo microcefalo la cui testa “è troppo minuta e sproporzionata al piedistallo” e nemmeno quella dell’Alfiere che “rassomiglia una cogoma da caffè”.5

   E l’immediata controreplica di Salvetti6, nella lunga telefonata notturna con Stefano Rosselli (Direttore de L’Italia Scacchistica), che precisa “… nel mio articolo dicevo che i nuovi pezzi eran solidi e semplici, non che avessero a prendersi per canone di bellezza, né tampoco pretendevo imporli e farne monopolio: io ho fatto soltanto una proposta” e che dopo l’esclamazione di Rosselli “Ma li vòle Staunton!” afferma con decisione “Ah no, giurabbacco! Per sè faccia pure, ma per tutti no e poi no… Se s'ha da adottare pei nostri Dopolavoristi dei pezzi fabbricati in Italia, non s'ha pedissequamente a copiar gli stranieri: italiani, hanno da essere! Italiani, sissignore!”, terminata con Rosselli che dice: “E se se n'avesse per male?” e Salvetti che risponde: “Per male? Se è persona di spirito, no di certo. O io allora, che ci ho in gola il brutto, il microcefalo e la cuccuma? E bonanotte!”.

   Tant’è vero che quei pezzi del disegno originale andarono in produzione con quella unica modifica all'Alfiere che non avrebbe più avuto quella ‘punta’ aguzza dell’elmo non tanto perché avrebbe potuto “presentare un pericolo per le mani di un giuocatore distratto, cioè per la maggioranza dei giuocatori, che badano più alla mossa che al mezzo fisico con cui si eseguisce” come sosteneva Mildmay ma “per semplificare la fabbricazione e farla tutta a tornio” come poi si decise; in mancanza di altre proposte, questo fu il risultato ottenuto:


Fig. 2 - La prima realizzazione del nuovo set ‘Italia’ (da "L'Italia
Scacchistica" 4/1935 p. 73).


   I sei pezzi base del set ‘Italia’ in legno sono stati raffigurati per la prima volta nella quarta pagina di copertina de L’Italia Scacchistica di maggio 1935 curiosamente di colore rosso (Fig. 3) anziché nero come in tutti i successivi fascicoli che abbiamo potuto consultare ed almeno fino all’agosto 1943 e sempre, in ordine d’altezza, da sinistra a destra: Re, Donna, Alfiere, Cavallo, Torre e pedone (Fig. 4).


Fig. 3 – L’Italia Scacchistica N.5 Maggio 1935 (quarta di
copertina).




Fig. 4 – L’Italia Scacchistica N.8 Agosto 1943 (quarta di
copertina).


   Di questo set solo dopo molti anni furono pubblicate due fotografie, almeno questo è quello che si sapeva all’inizio di questa ricerca. La prima con la didascalia “Scacchi «Italia» dell’anteguerra” (Fig. 5), tra le pagine 370 e 371 del Dizionario Enciclopedico degli Scacchi di Chicco-Porreca (Mursia, 1971), e la seconda in L’arte degli scacchi, a cura dallo storico degli scacchi Alessandro Sanvito (Sylvestre Bonnard, 2000), con un lapidario commento: “Il progetto suscitò non poche polemiche e in ogni caso questo nuovo tipo di scacchi – “scacchi italiani per gli scacchisti italiani” - lanciato in quel tempo sulle pagine della più nota rivista italiana di scacchi non ebbe grande diffusione. Questo set potrebbe essere l’unico sopravvissuto di quel lontano progetto”. Dal maggio al giugno dello stesso anno, il set fu esposto nella Sala Dante della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze nella mostra, anch’essa curata da Sanvito, abbinata al Congresso del Chess Collectors International.


Fig. 5 – Scacchi «Italia» dell’anteguerra Pezzi del set in avorio ed ebano della
collezione Chicco (Re = cm 8,5).


   Quelle due fotografie in realtà riproducevano il set ‘Italia’ in Ebony and Ivory!, appartenuto al grande collezionista e storico degli scacchi Adriano Chicco, già da parecchi anni in una collezione privata italiana insieme a molti altri set di quella importante collezione. Per questo set c’è anche da dire che non è di certo un prodotto di serie ed è sicuramente unico al mondo (Fig. 6); molto probabilmente fu fatto riprodurre, chissà in quale anno, dai disegni con le misure di Salvetti e non da un altro set ‘Italia’ in legno, anche perché l’Alfiere di questo set ha proprio quella ‘punta’ aguzza.


Fig. 6 – Set completo della ex-collezione Chicco, ora in una collezione privata italiana.


   Fin qui quanto conosciuto da tempo dagli addetti ai lavori. Ora alcune testimonianze sugli scacchi ‘Italia’ in legno ed altre cartacee: alcune sono inedite, altre già edite ma che ancora non conoscevamo ed altre conosciute da tempo ma solo di recente meglio comprese. Vediamo prima i set ‘Italia’ in legno e poi la ricca documentazione fotografica.


Fig. 7 - Set ‘Italia’ n.1 della collezione Cassano (foto di Massimiliano De Angelis).


   Questo set in legno di bosso, acquistato nel mercatino dell’antiquariato “La Soffitta nella Strada” che c’è nel mese di agosto per le vie del centro storico di Sarzana, in provincia di La Spezia, ha la seguente altezza (in parentesi il diametro della base):

Re: 8,7 (3,7); Donna: 7,2 (3,5); Alfiere: 6,3 (3,2);
Cavallo: 6 (3,3); Torre: 5,4 (3,3); pedone: 4,5 (2,6)


   Misure confermate dall’ultima pagina del fascicolo di novembre 1935 de L’Italia Scacchistica dove vengono riportati per la prima volta questi dati:

Pezzi di legno di bossolo per i
bianchi, carpine per quelli neri.
Verniciatura alla nitrocellulosa
---------- Panno alla base ----------
Altezza dei re centimetri 8,7.
Scatola di legno di cedro cerato
Prezzo Lire 45 al giuoco.
Franco di porto nel regno.


   Alcuni anni di ricerche saltuarie, iniziate sia con singoli scacchisti che alcuni circoli, hanno portato notizie certe, confermate da fotografie, dell’esistenza di altri due set in legno di bosso, uno con i pezzi piombati ed un altro senza la piombatura.

   Questo secondo set, di proprietà di un collezionista lombardo, ha sostanzialmente identiche misure al n.1, ha piombatura e feltro e si nota bene anche lo stesso tipo di lucidatura: sono praticamente identici.


Fig. 8 - Set ‘Italia’ n.2 di un collezionista lombardo.


   Dalla sua e-mail privata inviata a me il 30/10/2012: “Poco dopo il 1990 un vecchio socio del circolo mi regalò un gioco di scacchi, dicendo che erano “russi” e che li aveva ricevuti negli anni ‘30 come regalo di nozze. Forse si vergognava del suo passato littorio ... però disse anche che li aveva portati al circolo, con scacchiera e tutto, e che venivano usati soltanto se tutti gli altri giochi Staunton erano impegnati ... ai giocatori del caffè quei pezzi proprio non piacevano ...”.

   Invece questo terzo set, di proprietà di un collezionista veneto, è senza piombatura, ha le stesse misure, lucidatura e la base rivestita in carta feltrata di colore verde.


Fig. 9 - Set ‘Italia’ n. 3 di un collezionista veneto.




Fig. 10 - Set n. 1: Alfiere e pedone piombati.




Fig. 11 - Set n. 3 – Pedone senza piombo.


   Dalla sua email privata inviata a me nell’ottobre 2012: “Allego anche la fotografia del pedone nero privo di piombatura poiché il feltrino alla base è già scollato; non ho ritenuto di controllare la presenza o meno di piombature sugli altri pezzi in considerazione della loro leggerezza che rende superflua una tale verifica.”

   La conferma che c’erano anche i pezzi senza piombatura viene ancora una volta dalla quarta pagina di copertina che col passare del tempo cambia la pubblicità. Dal febbraio 1936 e fino a tutto il 1937 è questa: “Tipo ordinario: di legno forte, cerati, liscio alla base, Al giuoco Lire 22” (quelli senza piombatura?) e “Tipo speciale: Legno bossolo, verniciati, panno e piombo alla base Al giuoco Lire 33”. Poi, in molti fascicoli del 1938 e del 1939, diventa: “Tipo unico - Altezza del Re cm. 8,7 - Legno bossolo, verniciati, panno e piombo alla base, scatola d'abete grezza. Al giuoco L. 40. Idem: per ordinazioni di almeno 5 giuochi, al giuoco L. 38. Per i medesimi giuochi, ma in scatola di legno lucido con cerniere e chiusura in ottone, aggiungere L. 3 per ciascun giuoco.” Nel 1941: “Tipo unico: Altezza del Re cm.8,7 – Legno bossolo, verniciati, panno e piombo alla base, scatola d’abete grezza. Al giuoco L. 50”; nel 1942: “Tipo unico a L. 70 e Idem - Scatola di legno lucidato, chiusura a cerniera L. 80”; nel 1943: “Tipo unico con panno e piombo a L. 130 e idem senza panno e piombo a L.110” con la precisazione che ad “Ogni scatola di giuoco è accompagnata da una scacchiera di carta sottile”.

   In vendita anche differenti scatole: in legno di cedro cerato, di legno d’abete grezza, di legno lucidato con la chiusura a cerniera, forse è quella qui sotto.


Fig. 12 - Set ‘Italia’ n.1 – Scatola di legno lucidato con la chiusura a cerniera.


   Non abbiamo dati completi ma i termini più indicati nella pubblicità per la vendita dei pezzi ‘Italia’ sono questi: “Altezza del Re cm.8,7 - Legno bossolo, verniciati, panno alla base e piombo” oppure “senza panno e piombo” (L’Italia Scacchistica N.8 Agosto 1943). Dai numerosi elementi valutati, anche la “scatola di legno lucidato, chiusura a cerniera”, non c’è alcun dubbio che questi tre set in legno siano effettivamente i pezzi brevettati dal Salvetti e prodotti in quegli anni per gli scacchisti italiani.

   Oggi, però, su questi pezzi abbiamo anche la possibilità di presentare in ordine cronologico vecchie e nuove fotografie, alcune forse ancor più rare dei set stessi.

   I pezzi ‘Italia’, come scritto nella quarta di copertina dei fascicoli da Luglio ad Ottobre de L’Italia Scacchistica 1935, erano stati “Già messi in uso nel Torneo di Firenze per il Campionato Italiano” e grazie ad un collezionista lombardo che mi ha inviato la fotografia di una pagina de L'Italia Scacchistica di giugno 1935 e l’ingrandimento di una parte di essa con queste righe di commento: “La foto compare a pag. 123, fascicolo di giugno. Ti ho fatto un ingrandimento della scacchiera più vicina, la forma dei pedoni è chiaramente quella degli "Italia", avevo visto la prima fotografia dei pezzi in legno che avevo nella mia collezione!


Fig. 13 - 1935: 6° Campionato Italiano Firenze, L’Italia Scacchistica N. 6 giugno p. 123.


   Nonostante la fotografia non sia molto leggibile è pur sempre una testimonianza importante perché nella scacchiera più vicina all’osservatore la forma dei pedoni è chiaramente quella dei pezzi “ITALIA” e poi si riconoscono bene le Torri ed uno dei Cavalli bianchi che, inequivocabilmente, proprio per quella piccola testa, caratterizza in modo particolare questo set. La presenza di Salvetti, organizzatore e direttore del torneo, è più che una certezza che in tutte le scacchiere si giocasse con i pezzi ‘Italia’!

   Dal Tabellone del torneo non si riescono a leggere i cognomi dei partecipanti e sembra sia ancora tutto bianco ma Mauro Berni, sapendo che il torneo si svolse dal 13 al 25 maggio con un turno di gioco al giorno ed un riposo per ciascuno dei 13 concorrenti, utilizzando “il solito crivello aritmetico regolamentare per il calendario dei turni, in questo caso per 13-14 giocatori, dal vecchio Dizionario di Chicco-Porreca” e conoscendo “la data precisa di nove partite e l'indicazione precisa del turno per altre quattro” è stato anche in grado di definire, con alcuni incroci con le date note, il numero di sorteggio dei partecipanti (1.Hellmann 2. Riello 3. Staldi 4. Bellandi 5. Norcia 6. Monticelli 7. Sacconi 8. Napolitano 9. Romi 10. Rosselli 11. Ferrantes 12. Rastrelli 13. Del Pezzo). E questo in aggiunta a quanto eravamo riusciti a capire, già agli inizi del novembre del 2012, che si trattava della posizione della partita Rosselli-Del Pezzo dopo la mossa del bianco 10. Ch3 . Dall’interpretazione non facile del cognome ROSSELLI, che poteva essere anche RASTRELLI, scritto sul cartellino del giocatore con i pezzi bianchi posto all’angolo destro di quello che secondo noi era il tavolo n. 5 e l’utilizzo di una buona lente di ingrandimento per la posizione di molti pezzi neri ed alcuni bianchi come il Cavallo bianco in c3 e la Donna bianca in b3, nonostante le poche partite rintracciabili nell’archivio della F.S.I., è la partita Rosselli-Del Pezzo (6° Campionato Italiano Firenze 1935): 1. Cf3 f5 2. g3 Cf6 3. Ag2 e6 4. c4 Ae7 5. 0-0 0-0 6. Cc3 d6 7. d4 Cbd7 8. Cg5 Cb6 9. Db3 h6 10. Ch3 (la posizione della fotografia) 10. … g5 11. a4 c6 12. a5 Cbd7 13. f4 g4 14. Cf2 d5 15. c:d5 c:d5 16. Cd3 a6 17. Ad2 b6 18. C:d5 Tb8 19. C:e7+ D:e7 20. Ab4 De8 21. Ad6 Ab7 22. A:b8 A:g2 23. R:g2 C:b8 24. Ce5 b5 25. Tac1 h5 26. Tc2 Cd5 27. Tfc1 De7 28. e4 f:e4 29. Cg6 e il Nero abbandona (1-0).7


Fig. 14 - 1935: Particolare ingrandito della fotografia precedente.


   Non contento Berni ha calcolato che questa partita fu giocata in quinta scacchiera (il tavolino è il numero 5) il giorno 21/5/1935 al 9° turno; proprio il turno di riposo di Norcia, unico partecipante assente al momento della fotografia.


Fig. 15 - 1935: GENTE NOSTRA – ILLUSTRAZIONE FASCISTA ANNO VII N. 48 del 1 DICEMBRE 1935-XIV, ATTIVITA’ SPORTIVA, p. 11: simultanea di Mario Monticelli di Venezia su settanta scacchiere con lo scopo di stabilire un nuovo primato nazionale (+50 =13 -7). Fotografia del 10/11/1935 edita in dicembre - schermata acquisita il 22/09/2014. Tutte le scacchiere visibili hanno i pezzi ‘Italia’.



Fig. 16 - 1938: Vincenzo Nestler8 in simultanea; probabilmente a Roma,
il 28/10/1938 (XVI) nel giorno del Sedicesimo anniversario della marcia
su Roma (28/10/1922). Nelle prime due scacchiere si riconoscono bene i
pedoni degli scacchi ‘Italia’, ma è altamente probabile che anche in que-
sta occasione tutti giocarono con tali pezzi.



   La descrizione della vendita su Ebay di questa fotografia riportava “1938 Milano Torneo Scacchi Vincenzo Nestler vs 30”. Mauro Berni ha però ipotizzato con ragione che fosse stata giocata a Roma: “Poiché Nestler ha già tenuto il 4/12/1937 una simultanea presso il Dopolavoro dell’I.N.F.P.S. (Istituto Nazionale Fascista Previdenza Sociale)9 e la stessa sede ospiterà tra la fine di marzo e l’inizio di aprile 1939 il 9° campionato italiano maschile, è possibile che anche la simultanea del 28/10/1938 vi si svolga. È quindi plausibile, ma non assolutamente certo, che la presentazione dell’oggetto vada così modificata: 22/10/1938 Roma Simultanea Vincenzo Nestler vs 30”.10
   Infatti, ne L'Italia Scacchistica del 1938 sono indicate due sue simultanee nell’ambito delle manifestazioni dell’O.N.D.-A.S.I., Dopolavoro dell’Urbe, cioè quello di Roma: la prima il 9/4/1938, contro 20 avversari (+16 =3 -1)11 e la seconda il 28/10/1938 contro 30 avversari (+24 =5 -1)12, entrambe giocate presso il Dopolavoro «Previdenza Sociale».13 Anche in questa fotografia si riescono ad individuare gli scacchi ‘Italia’ almeno nelle prime tre scacchiere ma ci pare abbastanza probabile che tutti giocassero con questi pezzi.

   Una curiosità: dopo aver letto su L’Italia Scacchistica del Novembre 1938 che nello stesso giorno della simultanea di Nestler del 28/10, sempre nell’ambito delle manifestazioni dell’OND-ASI, “Calapso giocò 5 partite alla cieca col risultato di 3 vinte e 2 patte14, mi venne subito in mente la monografia in sua memoria presentata a Roma nel 197715 , che a me venne regalata nel 1996 da un caro amico scacchista per il mio compleanno16, contenente questa fotografia del 1939.17


Fig. 17 - 1939: Remo Calapso, simultanea alla cieca contro sei giocatori a Roma.


   La mia sorpresa fu grande quando nel tavolino più a sinistra riconobbi entrambe le Torri del bianco e nel tavolino a destra, dove è seduto il giocatore con gli occhiali, riconobbi benissimo la Torre bianca ed il Cavallo bianco che è fuori dalla scacchiera. I pezzi ‘Italia’ molto probabilmente erano su tutte le scacchiere. In questa immagine c’è ancora da evidenziare che il pavimento è lo stesso delle prossime quattro fotografie.

   Nei primi anni ’80 del secolo scorso giocai casualmente due partite amichevoli con il Maestro Nestler al Circolo S. Maria di Roma, senza mai più rivederlo; le quattro fotografie che seguono sono appartenute a lui, poi al suo badante per 25 anni e dal 2013 fanno parte delle mie memorabilia scacchistiche.


Fig. 18 e Fig. 19 -1940: Vincenzo Nestler in simultanea a Roma, 28/10/1940 (XVIII) nel
giorno del Diciottesimo anniversario della marcia su Roma (28/10/1922).
Tutte le scacchiere visibili hanno i pezzi ‘Italia’.




Fig. 20 e Fig. 21 - 1942: Vincenzo Nestler in simultanea a Roma, 28/10/1942 (XX) nel
giorno del Ventesimo anniversario della marcia su Roma (28/10/1922).
Tutte le scacchiere visibili hanno i pezzi ‘Italia’.


   Il fascismo ha il culto degli anniversari ed il particolare significato simbolico della data della marcia su Roma 28 ottobre (del 1922) veniva ricordato anche con le simultanee di scacchi. Sul retro delle quattro fotografie è riportata a matita la data e, in una soltanto, anche la parola ‘Spagna’ che potrebbe indicare che si sono svolte entrambe, lo diciamo per quello che sembra un identico pavimento, in un palazzo di Piazza di Spagna in Roma. Quello che segue è un parere abbastanza negativo sulla forma di questi pezzi in un episodio divertente:

   Antonio Rosino mi scrisse: “Il grande Giuseppe Vianello di Portogruaro detto ‘Bepi’, aveva ragione e li stroncò così”: “Accadde che fra una guerricciola e l'altra, non ricordo se contro la Spagna, l'Abissinia o l'Albania, d'autorità ci fu assegnata una sede dal Dopolavoro. (…) Se non bastasse uno di quei dirigenti ci fece capire che era «patriottico» che giocassimo con un nuovo modello di scacchi. Basta con la esterofilia! Autarchia ci voleva! Il modello impostoci, se non era etichettato littorio era giù di lì o peggio. Pezzi squadrati, rozzi e inespressivi. Ce li trovammo brutti e pronti in dotazione con l'aggiunta di alcune scacchiere in tela cerata. In quella spelonca durammo pochi giorni; poi, a furor di popolo, tornammo all'Omnibus, il quale, sebbene pervaso da effluvi ammoniacali, aveva una sua poetica, non mancava di colore locale (veniva a prendere il caffè la signora C ... detta "la bella di Rialto"), ci consentiva di giocare con i Régence, con gli Staunton, rotti e sporchi sì, ma Staunton, perdio! Inimitabili.”18
   Su L’Italia Scacchistica fu pubblicato il COMUNICATO UFFICIALE N. 20 DEL 15 GENNAIO 1952; insieme a notizie sul Regolamento, le Categorie ed Omologazioni, c’è questo annuncio:

Materiale scacchistico


    “La F.S.I. ha disponibile soltanto 12 giochi di scacchi tipo «Italia», in cassetta custodia di legno, che può fornire al prezzo ridottissimo di L. 1200 cadauno, franco domicilio. Le richieste, accompagnate dal relativo importo, sono da rivolgere alla Segreteria Generale, Via Pisacane 10 – Milano.”19


Fig. 22 - 1953: Sala del Circolo Ricreativo Dipendenti Marina del Circolo La Spezia (fotografia di Claudio Sericano). Prima dell’inizio del turno di gioco le scacchiere sono pronte con i pezzi schierati; nella seconda scacchiera a destra si gioca con il set ‘Italia’ e, probabilmente, anche nella terza scacchiera di sinistra.


   Paolo Bagnoli: "Iniziai a frequentare il “Bar Byron” di Ravenna all’età di quindici anni" (quindi siamo intorno al 1956 poiché Bagnoli è nato a Ravenna nel 1941); “Il Bar Byron… era l’unico bar di Ravenna a non avere un gioco da mah-jong, gioco cinese chissà come radicatosi in città e che ogni ragazzino ravennate sa giocare ad ottimi livelli. In compenso, il Bar Byron teneva a disposizione dei clienti una gigantesca scacchiera in legno e cartone corredata da pezzi di scacchi in stile “Littorio”. Su questa scacchiera si affrontavano, di tanto in tanto, il Professore ed il vicequestore Scarambone, e gli avventori si soffermavano per alcuni minuti a contemplare l’evolversi della sfida. Gli incontri si risolvevano, generalmente, in favore del Professore, un ometto basso e minuto, sui sessanta, in basco e cappotto in ogni stagione. In città non esisteva un Circolo e probabilmente i due erano gli unici a praticare gli scacchi a livello decente.”20

   Antonio Rosino: “Ce n’erano un paio quando da bambino frequentavo il Circolo Salvioli (fine anni cinquanta): nessuno voleva giocare con quei pezzi e con degli altri di origine Europa orientale. Dopo qualche anno scomparvero. Forse ce ne saranno ancora in qualche scantinato.” e anche “a Firenze potrebbero avere ancora qualche gioco Italia, se non è finito tra le spazzature.” (da due e-mail private inviate a me nell’ottobre del 2012).

   Più di mezzo secolo fa si giocava ancora con i pezzi ‘Italia’ soltanto a La Spezia, Venezia, Ravenna, Firenze e Roma, cioè soltanto al nord e nel centro Italia? Chi avesse informazioni e fotografie dei pezzi ‘Italia’ nel sud del nostro paese ci informi, grazie.

   Recentemente abbiamo trovato questo interessante paragrafo: “Tra i doni-passatempo che il P.N.F. si occupava di acquistare e spedire (ai militari combattenti in tempo di guerra), su ognuno dei quali non dimenticava mai di far stampigliare o attaccare con decalcomania la dicitura «Dono del P.N.F.»”: (…) “nel biennio 1942-1943 ben 5.000 scacchi con scacchiera, 15.000 giochi della dama e dell'oca, 20.000 pezzi tra gioco del domino e della tombola, 10.000 mazzi di carte francesi e 50.000 di carte napoletane, 5.000 chitarre e bangi, fisarmoniche, mandolini, armoniche a fiato e, addirittura, 50.000 ocarine, 100 cinesonori”.21


Fig. 23 - Ferrara Patrizia: Le fonti archivistiche: Archivio centrale dello Stato, p.160 e 161,
Atti del III seminario, Roma, 16- 1 7 dicembre 1988, pubblicato nel 1993.


   Non sarà facile ma cercheremo di approfondire questa precisa informazione per avere la certezza che siano stati inviati al fronte proprio gli scacchi “Italia”.

   Dal COMUNICATO UFFICIALE O.N.D.-A.S.I. 8 Febbraio 1936-XIV: “Il Direttorio dell’A.S.I. ha deliberato a unanimità l’approvazione dei giuochi di scacchi tipo «Italia» sottoposti alla Direzione della Rivista «L’Italia Scacchistica» di Firenze” e che la Direzione Generale dell’Opera Nazionale Dopolavoro diramando ai Dopolavori provinciali la Circolare POS EDF 1/4 Prot. N. 6416 del 5 Febbraio 1936 li invitava “ad interessarsi affinché tutte le Sezioni dell’A.S.I. siano al più presto provviste di tutto il materiale occorrente”. A ben leggere i Comunicati Ufficiali dell’A.S.I. le Sezioni non erano poi così poche, come non erano pochi i Dopolavori Provinciali dell’O.N.D. che si costituivano, per cui - a buon ragione - si può ritenere che un discreto numero di set sia stato prodotto.

    “La fascistizzazione di tutte le associazioni sportive italiane avvenne nel 1928. La F.S.I. fu inserita nel C.O.N.I. il 24 febbraio, ma dovette cambiare nome in Associazione Scacchistica Italiana22 e nel 1934 non si riuscì “ad impedire al segretario del partito fascista di disporre del trasferimento dell’A.S.I. dal C.O.N.I. all’Opera Nazionale Dopolavoro a partire dal 29 ottobre 1934.”23

   “Nel complesso l’attività del periodo preso in esame sembra dar ragione alla tesi esposta da Leonardo Foà. L’OND, con la quale il regime fascista si propose di sviluppare e controllare le attività del tempo libero, è un’organizzazione più confacente del Coni all’ASI e al piccolo mondo scacchistico italiano, proprio in ragione della sua presenza diffusa e capillare. Già l’attività del 1939 sembra inferiore, la guerra si incaricherà poi di distruggere un tessuto agonistico e organizzativo che a chi consulta la documentazione del 1934-1938 appare sufficientemente consistente, almeno in rapporto ai tempi.”24

   Alla fine del 1943 il governo vietò l'uso della carta e L’Italia Scacchistica fu costretta a sospendere le pubblicazioni fino a tutto il 1945; nel marzo 1946 già si pubblicizzava la vendita dei pezzi inglesi ‘Staunton’ ed i pezzi di scacchi dell’autarchia caddero presto nel dimenticatoio.

   Indipendentemente dal comunicato e dalla tesi esposta, forse il loro utilizzo non fu reso obbligatorio ai dopolavoristi, forse la diffusione di questo modello fu molto più limitata di quello che crediamo; quasi sicuramente molti di quei giochi rimasero al fronte, altri probabilmente furono distrutti nel dopoguerra perché simbolo del ventennio fascista.

   Belli o brutti che siano questi scacchi ‘Italia’ in legno resteranno per sempre nella storia scacchistica italiana e quei pochi esemplari conosciuti acquisiscono ancor più valore storico.

   Infine, la seconda ed ultima curiosità:


Fig. 24 Scacchi ‘Pre-Italia’ o ‘Post-Italia’… visto che il Cavallo è sicuramente più ‘bello’?


   Il mio personale ringraziamento non può che andare al collezionista lombardo ed al collezionista veneto che hanno prontamente messo a disposizione le informazioni e le fotografie dei rispettivi scacchi ‘Italia’ ed a tutti gli altri scacchisti che hanno dato preziose indicazioni alla mia ricerca, in particolare a Mauro Berni, Claudio Sericano, Antonio Rosino, Paolo Bagnoli, Rodolfo Pozzi e Massimiliano De Angelis perché senza la loro ampia e disinteressata collaborazione non sarebbe giunta a questo livello.


Note:

1 - Autarchia: Condizione di un paese che mira all’autosufficienza economica, nell’obiettivo di produrre sul territorio nazionale i beni che consuma o utilizza, limitando o annullando gli scambi con l’estero. (Fonte Enciclopedia Treccani).
2 - POZZI R.: Scacchi “Italia” – un set del 1935, L’Italia Scacchistica n.1183, 2006, pp. 74-76 e poi in http://www.cci-italia.it/salv.htm).
3- SALVETTI G. A.: Scacchi italiani per gli scacchisti italiani, in L'Italia Scacchistica n. 3, marzo 1935, pp. 49-51, Firenze.
4 - MILDMAY E.: Scacchi italiani per gli scacchisti italiani (replica a G. A. Salvetti), in L'Italia Scacchistica n. 4, aprile 1935, pp. 73-74, Firenze.
5 - MILDMAY E.: Scacchi italiani per gli scacchisti italiani (replica a G. A. Salvetti), in L'Italia Scacchistica n. 4, aprile 1935, pp. 73-74, Firenze.
6 - SALVETTI G. A.: Italiani: sissignore! (controreplica a E. Mildmay), in L'Italia Scacchistica n. 4, aprile 1935, pp. 74-77, Firenze.
7 - Rosselli-Del Pezzo, 6° C.It. Firenze 1935, L’Italia Scacchistica N.6 giugno 1935 pp.133-134.
8 - Vincenzo Nestler (Agrigento, 8/1/1912 – Roma, 14/7/1988) scacchista italiano, vinse due edizioni dei Campionati italiani (Firenze 1943 e Trieste 1954).
9 - Berni di Mauro: “Da notare che il IX C. I. maschile ed il II C. I. femminile si svolgono contemporaneamente nella sede di Roma dell'INPS, o meglio INFPS, in via Rasella, destinata a una triste fama per l'azione partigiana e la susseguente feroce rappresaglia nazista delle Fosse Ardeatine.” da Un gossip estivo in Scaccomatto 140, settembre 2008, http://www.centurini.it/arretrati/2008-9.htm.
10 - Berni Mauro: Indagine su una fotografia in vendita su Ebay, in http://soloscacchi.altervista.org/?p=23375 pubblicato il 2 ottobre 2011.
11 - L’Italia Scacchistica N.5, 15 Maggio 1938, p.98.
12 - L’Italia Scacchistica N.11, 15 Novembre 1938, p.220.
13 - Comunicato Ufficiale ASI: "...presso la sede del Dopolavoro dell'Istituto Nazionale Fascista della Previdenza Sociale, via Rasella 155", L’Italia Scacchistica, N.5 maggio 1939, p.100.
14 - L’Italia Scacchistica N.11, 15 Novembre 1938, p.220.
15 - A due anni dalla scomparsa di Remo Calapso fu presentata a Roma, nell'aula magna dell'istituto S. Maria di Via Manzoni 5, la monografia a lui dedicata da parte degli autori; “il Prof. Nestler visibilmente commosso, ha commemorato la nobile figura di Calapso nel quadro dell’utilità sociale e del valore psicologico degli scacchi”, in Scacco!, 1977, p.175.
16 - Questa la dedica firmata: “Un libretto ‘storico’: il primo delle Edizioni Scacco! Auguri”.
17 - GIUDICI E. – NESTLER V.: Remo Calapso, I Maestri Italiani, Edizioni SCACCO!, 1976 p. 16.
18 - TURCATO G.: Cronache del Caffè degli Scacchi – Cinquant’anni di vita del circolo scacchistico “Carlo Salvioli” in Scacchi e Scienze Applicate, anno I, n.1, 1981, p. 55.
19 - L'Italia Scacchistica n. 2, febbraio 1952, p. 52, Milano.
20 - BAGNOLI P.: Noi del Byron, in http://soloscacchi.altervista.org/?p=37204 pubblicato il 22 settembre 2013.
21 - Ferrara Patrizia: Le fonti archivistiche: Archivio centrale dello Stato da pag.152 a pag. 163 - PUBBLICAZIONI DEGLI ARCHIVI DI STATO - SAGGI 25 - LE FONTI PER LA STORIA MILITARE ITALIANA IN ETÀ CONTEMPORANEA, Atti del III seminario, Roma, 16- 1 7 dicembre 1988 - MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI - UFFICIO CENTRALE PER I BENI ARCHIVISTICI, pubblicato nel 1993.
22 - CHICCO A. – ROSINO A.: Storia degli scacchi in Italia, Marsilio Editori, 1990, p. 313.
23 - CHICCO A. – ROSINO A.: idem, p. 323.
24 - Berni M.: il giorno della memoria, pubblicato il 27 gennaio 2013 http://soloscacchi.altervista.org/?p=18189.


Bibliografia:

SALVETTI G. A. 1935: Scacchi italiani per gli scacchisti italiani, in L'Italia Scacchistica n. 3, marzo 1935, pp. 49-51, Firenze.
MILDMAY E. 1935: Scacchi italiani per gli scacchisti italiani (replica a G. A. Salvetti), in L'Italia Scacchistica n. 4, aprile 1935, pp. 73-74, Firenze.
SALVETTI G. A. 1935: Italiani: sissignore! (controreplica a E. Mildmay), in L'Italia Scacchistica n. 4, aprile 1935, pp. 74-77, Firenze.
OND-ASI 1935: Comunicato ufficiale 7 aprile 1935-XIII, in L'Italia Scacchistica n. 4, aprile 1935, p. 96, Firenze.
MONTICELLI M. 1935: Il II° Torneo Nazionale "Stefano Rosselli del Turco", in L'Italia Scacchistica n. 6, giugno 1935, pp. 121-126, Firenze (a p. 123 la fotografia del gruppo dei giocatori con Salvetti, organizzatore e direttore del 6° Campionato italiano, nonché "Delegato dell’Associazione Scacchistica Italiana pel controllo della manifestazione" ed alcune scacchiere con la posizione delle mosse già giocate che hanno permesso di rintracciare la partita Rosselli-Del Pezzo alla mossa 10. Ch3).
OND-ASI 1936 Comunicato ufficiale 5 febbraio 1936, in L'Italia Scacchistica n.2, febbraio 1936, p. 37.
CHICCO A. - PORRECA G. 1971: Dizionario Enciclopedico degli Scacchi, Milano, Mursia.
GIUDICI E. – NESTLER V.: Remo Calapso, I Maestri Italiani, Edizioni SCACCO!, 1976 p. 16.
SCACCO!, Notiziario dall’Italia, 1977, p. 175.
TURCATO G.: Cronache del Caffè degli Scacchi – Cinquant’anni di vita del circolo scacchistico “Carlo Salvioli” in Scacchi e Scienze Applicate, anno I, n.1, 1981, p. 55.
CHICCO A. – ROSINO A.: Storia degli scacchi in Italia, Marsilio Editori, 1990, nota 29, p. 324.
SANVITO A.: L'arte degli scacchi, Set "Italia" 1935, Milano, Sylvestre Bonnard, 2000, p. 97.
PALMIOTTO F.: Vincenzo Nestler: il più grande scacchista siciliano dell'era contemporanea. Agrigento, Circolo scacchistico Vincenzo Nestler, 1992.
POZZI R.: Scacchi Italia – un set del 1935, L’Italia Scacchistica n.1183, 2006, pp. 74-76.
LEONCINI M.: Scaccopoli-Le mani della politica sugli scacchi, Firenze, Phasar, 2008.
CASALE A.: Scacchi attrazione immortale, Aliberti, 2011.
COLLEZIONISTA lombardo: Set ‘Italia’ n.2, informazioni e fotografie.
COLLEZIONISTA veneto: Set ‘Italia’ n.3, informazioni e fotografie.